Emergenza rifiuti, nuova ordinanza comunale del 5 agosto!

0
166

Attenzione divieto utilizzo sacchetti non trasparenti!

                                La Sindaca (con ordinanza del 5 agosto 2019)
                                                                ORDINA
1. il divieto, per tutti coloro che non sono residenti nel territorio di Roma Capitale, di conferire nel circuito di raccolta di Roma Capitale, rifiuti urbani prodotti nel territorio di altri Comuni;
2. il divieto di utilizzo di sacchi non trasparenti per il conferimento della frazione multimateriale leggero (plastica e metalli) e per la frazione indifferenziata/secco residuo;
Gli effetti del presente provvedimento, in coerenza con la sua natura contingibile e urgente,
dovranno limitarsi al tempo strettamente necessario all’individuazione delle più opportune
soluzioni, idonee al superamento delle criticità in essere e, comunque, ad un periodo non
superiore a 180 giorni.
L’inosservanza al divieto di cui ai punti 1 e 2 comporta l’applicazione, ai sensi dell’art.? bis del
D.lgs. 18 agosto 2000, n. 267, di una sanzione pecuniaria da € 25,00 ad € 500,00, salva
l’applicazione delle sanzioni previste per l’abbandono dei rifiuti, di cui all’art. 255 del D.lgs. n.
152/2006 e ss.mm.ii.
È ammesso il pagamento in misura ridotta, ai sensi dell’art.16 della L. n. 689/1981 .
Il presente provvedimento è immediatamente esecutivo e reso pubblico mediante pubblicazione all’Albo Pretorio on line di Roma Capitale e, ai fini conoscitivi dell’atto medesimo, ne sarà data pubblicità sul sito internet istituzionale (www.comune.roma.it) e attraverso gli Organi di Informazione.
Il presente provvedimento è, altresì notificato, a termini di legge, al Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, al Ministero della Salute, alla Prefettura di Roma, alla Questura di Roma, alla Regione Lazio, alla Città Metropolitana di Rma Capitale, alla Polizia stradale, alla Polizia provinciale, all ‘Arpa Lazio, alla Polizia Locale di Roma Capitale e all’AMA S.p.A. , nonché alle ASL interessate, per il tramite della Regione Lazio.

Leggi l’ordinanza completa